SOPPRESSA LA GUARDIA MEDICA TURISTICA, I SINDACI CHIEDONO UN INCONTRO URGENTE AL PREFETTO

I sindaci Enrico Di Giuseppantonio (Fossacesia) Francesco Menna  (Vasto), Emanuela De Nicolis (San Salvo) Filippo Marinucci (Casalbordino), Nino Di Fonso (Torino di Sangro), Emiliano Bozzelli (San Vito Chietino) e Claudio D’Emilio (Palena), con una nota ufficiale, hanno chiesto al prefetto di Chieti, Mario Della Cioppa, di convocare una riunione con l’assessore alla Sanità, Nicoletta Verì e con il direttore generale della Asl 2 Lanciano-Vasto-Chieti, Thomas Schael, per arrivare a una soluzione che impedisca quest’anno di non attivare il servizio di guardia medica estiva nei loro comuni, come deciso dalla Asl.

“Abbiamo concordato la richiesta di una riunione dopo aver sentito la prefettura e la Asl – dichiara Di Giuseppantonio, che ha coordinato l’iniziativa – Nella nota trasmessa al prefetto, abbiamo sottolineano come la decisione della Asl2 Abruzzo vada a penalizzare notevolmente i nostri territori, in quanto verrebbe meno un servizio essenziale per tanti turisti che, durante il periodo estivo, vengono a far visita sia ai centri marittimi che di montagna”.

Nei mesi da luglio a settembre, la popolazione di questi territori triplica numericamente ed è caratterizzata principalmente da famiglie con bambini o anziani che decidono di trascorrere qui le loro vacanze. La Asl aveva approvato scelta di tagliare il servizio con le statistiche: l’estate scorsa, secondo i numeri diffusi dall’azienda sanitaria, sono stati registrati 206 interventi.